E' giunto il momento di lasciare Overwatch...?


#41

Stai confondendo l’arte videoludica del tipo “blizzard anni 90” con quella che oggi è solo un modo come gli altri di rimpinguare le tasche degli investitori.

Videogiochi come overwatch non sono un mezzo espressivo. Sono un prodotto di consumo di massa che deve piacere a più gente possibile, per questo deve scendere a compromessi, compromessi a cui devono venire anche i creatori stessi. Compromessi che arrivano direttamente dalle riunioni dei piani alti.

I videogiochi come espressività artistica esistono oggi come piccole produzioni, a parte qualche caso particolare.

Overwatch addirittura trascende tutto questo. Prima di tutto deve piacere alla massa da guardare, e per ultima cosa da giocare.


#42

insert Mercy rework here
insert Brigitte nerf here
*Insert Doomfist nerf, ah no aspetta, quello mai.

Mi dispiace ma nel mondo del lavoro non funziona così, sei tu a dover soddisfare i clienti, altrimenti a casa invece della pagnotta ti porti un pugno di mosche, non puoi di certo essere un pasticciere e riempire i dolci di crema di pus e cacca dicendo “se vi piace è questo sennò ciao” eh ciao, ci si vede sotto al ponte.

Ai miei tempi si usciva di casa e si giocava sugli alberi!

E comunque sia concordo con DottDavìd

Videogiochi artistici sono giochi come HellBlade Senua Sacrifice, Life is Strange, Never Alone, praticamente qualsiasi avventura grafica con una narrazione decente, giochi guarda caso offline e che chiaramente non subiscono cambiamenti alla struttura.

Cosa intendo con ciò?

Che io avevo acquistato Overwatch con una Mercy molto più divertente da usare a mio parere e meccaniche diverse.

Io ho comprato il gioco in quel modo, ora invece ho Nerfy che è utile come healer tanto quanto Sombra, Doomfist che ti fa viaggiare che in confronto Trenitalia è mia nonna in sedia rotelle, Hammond che gira la metà della velocità delle mie balls quando sta li a rotolare secondi interi a sbatterti manco fossi un uovo strapazzato e anziché di sembrare di giocare un Fps, come all’inizio, mi sembra di stare in Superhot cercando di evitare ogni stan possibile. All’inizio gli stun non erano manco 10, Stun di Mccree, Sleep di Ana, Ultimate di Reinhardt, Grab di hog e la trappola di Junkrat e boop di Lucio e Pharah.

Ora invece Rotolamento di Hammond, il piledriver sempre di Hammond, il pugno caricato di Doomfist, l’uppercut sempre di Doomfist, il pugno a terra sempre di Doomfist, hack di Sombra, boop di Brigitte, stun di Brigitte, gravitonica di Orisa, la roccia di Sigma e la ultimate, e il colpo di fucile di Ashe e che palle!

Il ragionamento “se vi piace è questo, sennò niente” non ha il minimo senso, ho comprato la licenza per usufruirne ed ho il diritto di lamentarmene, punto.


#43

Non ho mai detto che gli sviluppatori non devono fare compromessi e che non ascoltano MAI i giocatori.

Overwatch è un mezzo di espressione esattamente come Warcraft. C’è un background narrativo, ci sono le storie dei personaggi, c’è un gameplay, ci sono dialoghi, ci sono cinematiche e c’è una visione/uno schema nel modo di aggiornare il gioco.
Come vedi ci sono tantissime cose che rendono Overwatch un videogioco come gli altri. Ciò che tu puoi fare è considerare queste cose oppure no, ma ciò non toglie che ci siano.

L’esempio del pasticcere è completamente fuori luogo. I videogiochi si paragonano meglio all’arte e gli altri medium, come i film e i libri. Puoi dare una valutazione personale, ma ciò non significa che sia realmente come la pensi tu, a meno che non si tratta, come già detto in precedenza, di problematiche oggettive: è colorato male, scritto male, stampato male, programmato male…
Come tale non deve per forza soddisfare tutti o cercare di accontentare tutti, perché è di fatto impossibile.
Ciò non significa che gli sviluppatori non possano o non debbano ascoltare il feedback dei giocatori. Bensì che non devono avere l’ossessione di fare ciò che le persone dicono di volere.
Lo sanno tutti che non sempre le persone sanno cosa vogliono, o dovrei dire quasi mai. A volte dicono di volere A, ma poi sono contente che al suo posto abbiano ricevuto C o X.
Insomma, il feedback non sempre è “chiaro” e limpido come pensate voi. Richiede interpretazione e inventiva, ed è qua che sta la libertà degli sviluppatori.

Edit: puoi lamentarti, ma non puoi pretendere che gli sviluppatori ti ascoltino. Lamentarsi è un conto, pretendere è un altro.
Io posso lamentarmi del fatto che piova, ma è una cosa che faccio per esprimere il mio disappunto e su cui non ho il controllo. Di certo non ti viene in mente di pretendere che le nuvole se ne vadano e lascino spazio al sole.
Insomma, pretendi ciò che PUOI pretendere e lamentati quanto vuoi.


#44

Il tuo ragionamento è giusto, ma da quello che scrivi allo stesso tempo, è inutile lamentarsi; un feedback nella maggior parte dei casi è una lamentela, se poi vogliamo andare verso la semantica e vogliamo chiamarla in altra maniera, la sostanza non cambia. Di conseguenza un forum è preposto per raccogliere feedback, che poi giustamente come scrivi tu, sta allo sviluppatore recepire il feedback o meno è sacrosanto. IL problema di OW però, che sta calando di utenza in modo allarmante, ovviamente non da farlo chiudere ci mancherebbe, ma non raccoglie più l’utenza di un anno fà.
Se noi pensiamo a OW al lancio, ormai ci rimane il bel ricordo. Certo un gioco deve evolversi, come è successo su wow. Ma mentre su wow sono stati attenti a recepire i feedback, su OW a mio parere hanno sbagliato.
Io personalmente ho scritto in passato quello che penso del gioco, ma non ci spero o ci speravo, che mi ascoltino. Però ho soddisfatto il mio bisogno di esprimermi, e leggere, o meglio ancora confrontarmi con altri. Anche per capire le ragioni altrui o capire se ero in errore.
Da quello che scrivi, la sensazione è: inutile lamentarsi, se non ti piace gioca ad altro. E’ un insulto all’intelligenza umana. Anzi un vizio tipicamente italiano: stai zitto e subisci.
E’ sacrosanto lamentarsi, anche se ovviamente:
Primo non pretendere di essere sempre nel giusto(però e anche giusto difendere le tue idee).
Secondo non pretendere che i devs ti ascoltino per forza.
Terzo scrivere in modo educato.
Quarto non credere che il mondo ruoti intorno a te(tutt’altro).


#45

Scusate, ma giusto per citare due cose in croce, da un gioco che ha una classe bombarola senza self-damage (non conosco altri fps in cui accada, se ci sono ignoranza mia), un cecchino che letteralmente spamma proiettili a caso con una hitbox spropositatamente enorme da vergognarsene, un “healer” che come healer è straforte ma gli aggiungi potenzialità di danno facile, forte e con un range troppo lungo + palla della morte bonus che rimbalza per 10 minuti, dove se toccano un eroe riescono solo a fare due cose: sbroccarlo o distruggerlo, dove arrivano anche a toccare i pochi eroi più o meno bilanciati per cercare di correggere cavolate pazzesche su altri eroi, ma che ci aspettiamo?

Anche io lo gioco solo più per impegnare del tempo, è più frustrante che divertente. Già di suo è naturalmente soggetto al fatto che in un gioco del genere avere una connessione più veloce del tuo avversario è metà di quello che ti serve, poi è troppo caotico con troppe abilità, stun e soprattutto roba letale a caso che vaga per la mappa e ti uccide a casaccio senza un perché (adesso anche un attacco con danno ad area bello forte che rimbalza dietro gli angoli, grazie eh).
Mi spiace ma non mi diverto più, l’impressione che ho giocando è che la maggior parte di ciò che succede sia totalmente fuori dal mio controllo, studiarsi bene un personaggio, allenarsi, usare il cervello oramai serve a poco. Poi per sfiga mia e orari di lavoro non posso neanche formarmi un team fisso con cui giocare e gioco sempre solo, quindi sono fregato. Magari avessi gente con cui giocare andrebbe meglio, chi lo sa.

Aspetto solo di trovare qualcos’altro di casual da giocare al posto di Overwatch, onestamente.


#46

Scusami, domanda seria, intendi la storia in generale o di ogni singolo pg? Perché se intendi la storia di Overwatch sappiamo solamente 2 cose “Reyes era il capo, poi lo diventa Jack, lui si incacchia fa cose illegali e poi si scontra quasi a morte con Morrison”.

come ad esempio Lucio, D.va, Zenyatta, Roadhog, Junkrat, come ha per il braccio Mccree, l’incidente di Tracer, ect…, dai sappiamo 4 cose in croce di molti personaggi che andrebbero approfonditi, non solo quelli elencati.

essendo un videogame è abbastanza normale direi.

Non puoi paragonare la storia di Overwatch dove c’è una scimmia super intelligente che sa come cambiare il tempo grazie a Tracer, un criceto dentro una palla gigante e non si sa perché ci stanno i motoscafi volanti con la storia di un gioco anche telltale ad esempio, si le cose ci sono è vero, ma se mi vuoi uscire in fps con una lore falla bene o non la fai per niente e sarebbe stato meglio.

E perché i pareri sull’arte possono essere soggettivi e sul cibo no? Magari a Gianni Morandi farebbe piacere. A parte gli scherzi era chiaramente una iperbole, ma per campare devi compiacere più persone possibili altrimenti i soldi te li sogni perché giustamente se alla massa non piace il tuo prodotto non lo compra nessuno.

Se vogliono far campare ancora Overwatch meglio che ci considerino invece, altrimenti come dicono gli eiter di follettina criescion “tic tacche il tempo scorre”, massimo 2 anni prima che il gioco diventi più deserto di Call Of Duty Black Ops 1.

Junkrat e Pharah non li considererei un intera classe, comunque tempo addietro anche Junkrat si faceva auto-danno, poi l’hanno buffato perché boh, visto che secondo me lo stesso trattamento andava fatto anche a Pharah, per correttezza.

Insomma non esageriamo, le hitbox della freccia di Hanzo sono decisamente più grandi di un proiettile di Widowmaker, ma di certo non sono grandi quanto un razzo di Pharah.

Moira l’unica cosa che ha di forte è l’healing e basta lol, le altre lamentele mi dispiace ma non le accetterò mai. Il globo dura soltanto fino al countdown comunque, non rimangono in giro per sempre.

What? Devi avere una connessione decente e basta, poi se hai l’operatore internet che va a patate quella è colpa tua, Blizzard non ci può fare niente, non è proprio niente che può derivare e potrebbe migliorare Blizzard.

Tropo caotico? Forse, troppe abilità che ti spostano o bloccano? Si.


#47
  1. mi riferivo a Junkrat e so che prima si faceva self damage, io lo eliminerei al massimo per le mine visto che le usa anche per spostarsi ma non alle nades e penso la stessa cosa sul fatto che per correttezza lo togli anche a Pharah allora

  2. spara tronchi d’albero xD

  3. io sono convinto che messo tutto assieme il suo potere d’attacco sia troppo alto per la classe che dovrebbe essere (includo tutto, anche facilità nell’utilizo dell’attacco), Ok dai su moira non saremo mai d’accordo, sono opinioni d’altronde

  4. è un gioco talmente veloce che soprattutto per certi personaggi (soprattutto gli hitscan) basta poco per creare quel minimo divario che ti separa tra uccidere o l’essere ucciso. Non voglio comunque dare la colpa alla Blizzard per questo, vale per ogni gioco di questo genere, non capita sempre dipende dal tuo avversario, dal server etc., ma aggiunto al resto che crea frustrazione, ogni tanto infastidisce xD


#48

vabbè se a te piace il gioco nello stato attuale non dico nulla.


#49

Hai decisamente avuto la sensazione errata, non era questo ciò che ho scritto. :confused:

Non cercare significati nascosti o di trovare strane interpretazioni, perché quello che ho scritto è piuttosto chiaro. Non c’entra nulla l’italiano medio, anche perché non ne faccio assolutamente parte, per fortuna. :sweat_smile:
Avendo lavorato per circa 5 anni nel settore videoludico, come redattore, direi di averne espresse parecchie di critiche, quindi su questo fronte non ho problemi.
Il punto del mio discorso è semplice: gli utenti non devono avere il controllo assoluto e indiscusso su un videogioco.
Questa cosa del far valere sempre la propria opinione, anche quando è inopportuno, è nata con i social network ed è aumentanta esponenzialmente con Fortnite. Se qualcuno di voi ci gioca, per favore, non prendetelo come un esempio positivo di videogioco, perché non lo è affatto.
Detto ciò, hai scritto una cosa giusta:

Fai benissimo, infatti non ho mai detto che sia sbagliato farlo.
Io parlavo di feedback agli sviluppatori, non di discussioni in community. Sono due cose molto diverse, dovresti saperlo.

Ho scritto background narrativo, proprio perché fa da sottofondo. Overwatch ha una lore immensa, come gli stessi sviluppatori hanno dichiarato, che ancora è praticamente del tutto sconosciuta, in quanto ci stanno sviluppando un altro gioco, che probabilmente annunceranno quest’anno alla Blizzcon.

Si e no. Si perché un videogioco senza gameplay non è tale, ma non tutti i giochi lo hanno stratificato come Overwatch.

Questa è la tua opinione. Overwatch è un videogame, esattamente come Dragon Age Inquisition. La differenza sta nel genere e nelle componenti di gioco.
Se ti piace è così, se non ti piace è comunque così.

Inesatto. Ogni prodotto (i videogiochi sono prodotti a tutti gli effetti) ha un target di riferimento e ciò che deve fare è soddisfare quel “range” di persone. Quelli che vogliono riferirsi a tutta platea falliscono misaramente o sono giochi scialbi senz’anima.

Personalmente, a parte alcuni problemi oggettivi nel sistema di valutazione delle ranked (placement), il gioco mi è tornato a piacere più di prima.
Certo, alcune modifiche non mi dispiacerebbero, però devo ammettere che con le ultime patch stanno dando parecchio ascolto alla community. Non credo di aver mai visto tanti fix e correzioni al bilanciamento su una major release sul PTR.
Quindi, dobbiamo almeno dargli atto che stanno lavorando.


#50

Non ci gioco, ma perché non lo sarebbe? Da quel poco che so hanno sempre accontentato i fan e mia cugina che ci gioca si lamenta veramente ben poco, a differenza di Overwatch (li gioca entrambi).

Si ma se la lore non è stata ancora manco scritta di fatto non esiste scusami ahahahahahah.

Nessuno sa se Overwatch 2 sarà un gioco single player o co-op che narra la storia di Overwatch, quindi non lo darei come sicuro al 100% .

Fortnite va ancora alla grande nonostante accontenti i fan in ogni minima cosa, mi dispiace ma va così, se inizi a fare schifo pure a quella nicchia che c’ha 5000 ore sul tuo gioco evidentemente stai sbagliando qualcosa.

Overwatch non è di certe un gioco che è stato creato per una nicchia, è palese che abbiano fatto un fps solo per raggiungere più persone possibili e compiacere la massa, altrimenti non vedo il senso di buttare giù il progetto Titan e creare un fps, cosa che non avevano mai fatto prima.

Male direi, l’unica nota molto positiva dall’inizio dell’anno ad ora è solo la roleq, per il resto rip proprio.

Archivi? Il peggiore di tutti.

Evento dell’anniversario? Fail totale, quella di D.va doveva essere la skin che avrebbe dovuto spaccare l’internet ed invece quella di mei l’ha surclassata alla grande.

L’evento estivo manco a parlarne perché preferivo il nulla piuttosto, 4 volta di fila Lucioball, voglio dissanguarmi veramente.

Mi dispiace ma alcune cose si le hanno migliorate, ma se fanno 100 cagate l’anno e 3 buone di certo non mi metto ad osannare quelle 3 buone che fanno, spero che questa roleq porterà dei bilanciamenti seri (anche se già a vedere Symmetra NERFATA, non credo proprio.


#51

Senza perdere troppo tempo su un gioco di terzi (non è questo il luogo per discuterne), sappi che Fortnite è un gioco sviluppato da una software house che una volta era considerata un’eccellenza, ora ridotta allo status di prostituta della community. Tutto per i soldi.
Io ci ho giocato per quasi 1 anno e ti posso assicurare che quel gioco ha più bug che altro. Ogni patch mette 1000 bug (di cui alcuni gravi) e ne ripara 10.
Inoltre ha imposto al mercato un modello di aggiornamenti insostenibile. Gli sviluppatori sono ridotti a lavorare 13 ore al giorno senza sosta. Sfornare continui aggiornamenti richiede determinati prerequisiti:

  • Motore di gioco malleabile (loro usano quello prodotto internamente, l’Unreal Engine, che è un ottimo engine);
  • Grafica semplice e texture ripetute a non finire (Fortnite è l’equivalente di un puzzle da 100.000 pezzi tutti simili e posizionati in modo di verso per fare i “nuovi contenuti”);
  • Soldi, tanti soldi (sostenere uno sviluppo continuo e serrato richiede una grande somma di denaro).

Detto ciò, chiudo il capitolo Fortnite e ritorno a Overwatch.

La ragione per cui Overwatch non riceve il quantitativo di aggiornamenti adeguato, dal punto di vista contenutistico, è per come è fatto il gioco. Gli stessi sviluppatori hanno detto che l’engine non permette di riutilizzare gli assets, quindi ogni mappa, missione evento e modalità va realizzata da zero, perché sono tutti pezzi unici. Questo è stato il più grande errore fatto da Blizzard su Overwatch. Hai idea di quanto ci voglia a fare tutto da zero, con la cura ai particolari che ha Blizzard? Tanto, te lo posso assicurare.

È stata scritta, da un bel po’ di tempo anche.
Mi sembra evidente che non conosci la storia dello sviluppo di Overwatch.
Blizzard agli inizi voleva sviluppare il successore spirituale di World of Warcraft, il progetto si chiama Project Titan. Dopo aver ricominciato per ben tre volte da zero lo sviluppo, e speso decine e decine di milioni di dollari, hanno rivalutato il progetto e spinto gli sviluppatori a proporre qualcosa di concreto entro sei settimane. Da qui nacque ciò che oggi conosciamo come Overwatch.
Il materiale che venne prodotto per il nuovo MMO comprende ogni genere di cosa, dal mondo di gioco, alla storia dei personaggi, fino a molti dialoghi. Era stato tutto preparato per l’MMO. Di questo materiale, per Overwatch ne hanno usato circa l’1%, come dichiarato dagli stessi sviluppatori.
Da un grande fallimento è nato un grande successo.

Nota: puoi trovari maggiori informazioni a proposito di Project Titan su Wikipedia inglese o leggendo articoli della stampa specializzata, con tanto di interviste agli sviluppatori.

Il nuovo gioco su Overwatch non è Overwatch 2, in quanto non sarà un gioco focalizzato sulla competizione (altrimenti si farebbero concorrenza da soli, no?). Ha tutte le carte in regola per diventare un grandissimo gioco, speriamo bene.


#52

Non vedo come questo dovrebbe giustificare ciò che Blizzard sta facendo.

Che si sono fatti creando un prodotto che compiacesse alla massa e dandolo anche free to play tra le altre cose! (Anche se inizialmente non era quello lo scopo del gioco).

Un anno per un evento archivi decente penso sia abbastanza, idem per 4 anni di Lucioball e tutti gli altri eventi, sono tutti ripetitivi.

Come se per certe storie non avessero poi cambiato versione facendo apparire il quadro molto poco chiaro.

Lo so.

di quel gioco hanno detto di aver tenuto solo Tracer, quindi la storia al massimo sta già scritta per lei, anche se dubito visto che chiaramente tutto ciò che la circonda è cambiata a sua volta.

Mi dispiace ma non puoi credere che esiste una lore che nemmeno è stata pubblicata, fino a quando non sarà disponibile per me la lore fatta bene di questo gioco non esiste, punto. Abbiamo solo un background degli eroi e molti di loro abbastanza basilari.

Non dico di far uscire ogni mese un corto, ma almeno 1 fumetto o un racconto, dai su, ormai gli aggiornamenti sono ridotti in mettiamo 9 skin ogni evento, qualche nerf qui e buff qua, non dico ogni volta di mettere un aggiornamento necessariamente al gioco, ma fateci sapere di più, fate uscire fumetti, anche cartacei che me li compro visto che ho già entrambi i due libri, delle storie, dateci delle news sui progetti, dateci modo di interagire con voi, fateci sapere qualcosa, ogni aggiornamento sembra di giocare alla roulette russa e non si sa mai cosa uscirà e se ucciderà il gioco oppure meno. con Archivi poi si sono superati, tutti che ci gasavamo perché sembrava fighissimo e poi non hanno manco avuto la voglia di fare nuovi nemici, come se già non si fosse capito che il cecchino Talon era palesemente widowmaker con una texture diversa.

E’ palese che abbiamo pareri contrastanti ed ognuno difende il proprio fronte, quindi forse è meglio chiuderla qui e rimanere ognuno con il proprio parere, fatto sta che Overwatch come è adesso per me è solo noioso e stressante.


#53

Vabbe ho sbagliato, anche se il dubbio rimane xD
Mi sa tanto però che non conosci la parola dietrologia, ma non fa niente, l’importante che ci siamo chiariti.


#54

se vuoi gliela spiego io……


#55

Corretto. Ho scritto il messaggio di notte e mi è sfuggita una parola fuori contesto :slight_smile:
Comunque so bene cosa significa, tranquillo.


#56

riflettevo un po’ sull’andamento del 2019… e non è che siano state delle manovre di hype decenti. O meglio, sono tutte basate sul silenzio-sorpresa… a dar più fastidio secondo me è questo gap di come le cose stiano arrivando… tutto così lento, così nascosto…

i racconti (a partire da ana), la mappa parigi, il capodanno lunare only comp, Baptiste uscito letteralmente dal nulla, l’evento archivi più deludente nel gameplay finora e con una storia più che incompleta al suo interno (al massimo per pubblicizzare la mappa havana ai giocatori), il workshop, i summer games più che bistrattati, il replay (finalmente), i nerf inaspettati (anche di mercy, ben s’intende), la big patch del terzo stage che ha scombussolato mezzo roster, le owl sempre più invadenti (adesso con delle skin esclusive), il fumetto di baptiste che riesce a descrivere finalmente bene baptiste ma allo stesso tempo aggiunge un personaggio che non fu il 31 eroe (anziché mauga arriva sigma, ma a discapito dal suo buon hype-horror il suo background non è tanto diverso da un cattivo di gotham city e per nulla descritto come non lo fu baptiste alla fine) , il rework di torbjorn, sombra e brigitte, l’annuncio per nintendo.

attualmente siamo in pieno 2-2-2 che sta dividendo un’intera community (vedo sempre più rage non solo tra rank, ma proprio tra ruoli, alla faccia del rendere unita la gente nelle differenze :sweat_smile:)… ma per essere più precisi OW è nella fase finale della pubblicizzazione della skin di winston delle OWL. appena finirà (il prossimo martedì) al 100% arriva in live la nuova patch dal ptr… e poi di nuovo l’oblio sul futuro del gioco…

insomma, è un continuo coming soon sull’ignoto. non per forza un male, ma ti sconforta che la qualità dell’imprevedibilità non è mai vista al 100% un bene. forse i migliori feedback senza lamentele eccessive dell’anno li ho letti per il rework di torb, il workshop, il replay e il racconto di baptiste.

effettivamente da quanto siamo in “fix” del gioco? da poco prima di brigitte, più o meno… il massimo della cura accessoriale che ricordo è stato ritorsione, da lì in poi è stato un continuo “serve bilanciare il gioco in modo decisivo”. non biasimo il lavoro degli sviluppatori, è oggettivamente difficile ma lo stato di abbandono lo inizio a sentire sempre più forte nell’arco di questo mese piuttosto che dalla fine del 2018. e non è salutare per OW contare sul “ricambio di giocatori con altri nuovi” se le basi sono sempre più complesse da imparare presto a chi arriva adesso. al blizzcon di quest’anno penso che sarà l’ultima occasione per annunciare qualcosa di veramente big per il futuro di OW nei confronti dei “veterani”… sempre sperando che non sia un gamemobile, è chiaro :sweat_smile:


#57

Guarda non sono stupito da un post del genere, anche perché è un po’ la situazione generale dei giocatori che amano fare le cose per bene.
Tutte le cose che hai detto si riducono alla solita problematica.
OW è un gioco, soprattutto per quanta riguarda le ranked, orientato al team e alla costruzione di un bilanciamento che ha la sua forza proprio nell’ interazione fra i vari eroi.
Questo a prescindere dalla 2-2-2.
Qualora nel team venga a mancare cooperazione e comunicazione può succedere di tutto, e diventa tutto casuale.
Anche se sei un mostro ti puo’ dire bene fino a che non trovi troppe problematiche che il tuo “Main” o comunque il giocare isolato non ti può risolvere.
Perciò il “Se sei forte sali!” è sempre stato valido fino ad un certo punto.
Ed adesso che i team sono forzati al bilanciamento “Almeno delle classi” è ancora più difficile.
Ti faccio un esempio, ho incontrato molti smurf anche Master che avevano problemi a salire, non le loro capacità, ma per i casini che gli combinavano quelli con cui stavano in team.
Il fatto che loro fossero estremamente più forti degli altri giocatori nello stesso livello è vero aiutava, ma incontravano altre problematiche dovuto al fatto che non potevano contare su altri.
Appena gli mettevi qualcuno che giocasse come si deve accanto, cambiava completamente la situazione, bastava uno solo.
Questo logicamente, per farti capire che il problema non è il gioco, ma la velocità nel capire le debolezze del team avversario e le problematiche del proprio team.
La maggior parte dei giocatori ha una visione troppo statica del gioco, non cambia immediatamente eroe quando necessario, non capisce cosa sta andando storto nel match e ha una conoscenza molto ridotta dei personaggi.
In un gioco così dinamico e con un numero che sta diventando importante di scelte fra eroi, è praticamente letale.
Per me, come dicevo all’ inizio, non è cambiato niente dal punto delle tattiche con il 2-2-2, proprio perché ormai mi sono divertito ad usare quasi tutti i personaggi ed a studiarne le tattiche (Me ne mancano 2 a cui non sono interessato). All’ inizio venivo molto criticato, perché mi dicevano fosse il problema per cui non rankavo.
Adesso a ridere sono io, perché essendo ancora più orientato al teamplay se non sai come rispondere ad una tattica di gioco avversaria e non conosci come gli eroi interagiscono è proprio finita.
Non mi stancherò mai di dire che per avere dei giocatori come si deve, è su di loro che devi puntare e non modificando gli eroi e appiattendoli sempre più.
Lo sbaglio sta proprio lì.
Per esempio, la vincita deve essere un incentivo sono d’ accordo, ma il calcolo del rank di un giocatore si deve basare di più su come quel giocatore usa il suo eroe e come interagisce con gli altri.
Se un rein fa il DPS, anche se vince, è un uso sbagliato di quell’ eroe.
Se una Moira fa 65 kill, anche se vince e se ha fatto 2K di cure, è un uso sbagliato e non dovrebbe essere incentivato.
Mi è capitato molte volte di perdere, ma con un team in cui ogni eroe veniva usato come si deve e quindi essere soddisfatto.
Poi vincere con delle scarpe che giravano nella mappa senza capire che stessero facendo, ed essere molto frustrato.
Se non si agisce su questo non se ne esce, ed andrà sempre peggio.
Non avete idea, quanto ho cercato persone con cui attuare anche solo una piccola parte delle tattiche possibili in questo gioco.
Ma appena perdevano, dovevano fare 2 sec di coda in più o cercavo di fargli guidare il team a rotazione sparivano tutti.
Quindi alla fine si riduce sempre al solito click&play, che è contro la natura del gioco.
Questo è il problema, secondo me.
Ed è un problema di tutti i giochi, non solo di questo.
Un problema che gli sviluppatori non potranno mai risolvere agendo soltanto sugli eroi.


#58

Sotto il diamante l’assegnazione dello SR a fine game è basato sulle performance personali comparato a quelle medie di tutti i giocatori nel tuo rank.
Ed i due esempi che hai fatto verrebbero puniti dal punto di vista del rank con le regole attuali.


#59

Ti rispondo con un semplice esperimento:
Stessa Moira 2 partite differenti.

  1. 15K healing, 26 kills, 1 gold, 2 silver, 23 SR
  2. 6K healing, 40 kills, 11000 DMG, 2 golds dmg e kills, 1 silver logicamente per healing, 28 SR.
    Perdita con moira:
    35kills, 6K healing, 3 golds, tranne healing silver, solo 5 SR persi.
    Mi spiego meglio, partendo dal presupposto che io metterei vincita come premio tipo 10 punti, mentre gli SR fine partita calcolati esclusivamente su come hai usato il tuo eroe, in modo da ovviare il “Killo quindi sono bravo”.
    Non ti toglierei punti in caso di perdita, ma penalizzerei esclusivamente il tuo rendimento.
    Se hai usato una Moira come il primo caso più SR, fine.
    Se hai usato una Moira come il secondo, penalizzazione anche se vinci.
    Nel senso vinci pure il premio partita, ma ti tolgo tanti di quegli SR che ci devi andare sotto uguale, devi capire che sei un pirla perché Moira è un healer.
    Il gioco è ancora molto orientato alle kills, gli SR non mentono.
    Alla seconda partita ti giuro che ho fatto tutto il possibile per killare, sono quasi sempre stato da solo e dietro ai nemici.
    Poprio per fare questa prova.
    Un minimo dovevo curare, logicamene, se no il team mi tranciava, però 6K sono davvero pochi, con Moira è difficile che vada sotto gli 11K normalmente, se c’ è partita logicamente.
    Con questo non voglio sminuire il tuo discorso tecnico, ma è una prova obiettiva, con tanto di dati.
    Una Moira come il secondo caso, io la sbatterei fuori dal gioco, non so’ se rendo.
    Perché al mio livello puoi farlo, perché la mira l’ hanno lasciata a casa, ma agli alti sei solo che da linciare.
    Almeno a mio giudizio.
    Altro che 28 SR! :rofl:
    Il senso è: Se tu fai passare il messaggio “Più uccidi, più sei bravo” come predominante per tutte le classi, poi non ti puoi lamentare se gente non cura, non ti fa il tank come si deve, e cercare di risolvere nerfando a destra e sinistra, perché è proprio il punto di partenza che è sbagliato.

#60

Dubito che la voce “Kills” sia presa in considerazione nel calcolo finale.

Io voglio sbilanciarmi e asserire che ogni ruolo ed eroe ha un suo compito diverso.

La stat principale degli healer saranno :

  • Healing / min
  • Deaths
  • Healing / Enemy damage
  • Objective time

Poi ogni eroe ha delle skill particolari che si aggiungeranno al computo esempio :

  • Lucio sound barrier per match
  • Baptiste deaths prevented, damage / healing amplified
  • Mercy resurrection per life, damage amplified
  • Zen transcendence healing per match, orb damage amplified, damage dealt.
  • Moira coalescence healing / damage

E via discorrendo, ora la voce Kills nelle schede è totalmente fuorviante , in ranked le kill non hanno valore rispetto alle statistiche di cui sopra, in quanto la voce Kills comprende : assist, final Blow, objective kills e ovviamente solo Kills.

Se ogni fight Moira rilascia un orb viola , un right click per ricaricare (su più personaggi ) o usa la coalescence gli verranno addebitati moltissimi assist e la voce Kills aumenterebbe , ergo le Kills non sono assolutamente un valore affidabile o primario nel conteggio della parte di SR riguardante le performance(almeno per ruolo non dps).

Infatti la fluttuazione di SR da game a game è dipendente da 3 fattori :

  • Statistiche medie dei giocatori nel rank a cui si gioca
  • differenza di SR medio dei due team
  • Performance personali sui singoli ruoli/eroi

Ecco perché a volte si perde di più o si vince di meno.